vai ai contenuti
Home | Attività didattiche | Itinerari | Cos'è il sistema Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Risorse turistiche

Ricerca

 

 
 
 
 
:

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432
Skype   Chiama con Skype

   @  info


HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Castello di Castiglione delle Stiviere

Castiglione delle Stiviere, castello
Tipologia: Fortificazioni

Del Castello, che ha dato il nome al paese e che è stato testimone della sua storia fino al tramonto dei Gonzaga, rimangono soltanto la torre d'ingresso di origine medioevale e alcuni resti della cerchia di mura con un torrione. L'assenza di merlatura, la forma tozza e arrotondata delle torrette, la rozzezza della struttura più antica, hanno indotto gli storici a ritenere che l'imponente fortezza fosse edificata ai tempi delle invasioni barbariche su un precedente castiglione romano.

Le prime notizie sicure sul complesso risalgono agli inizi del 1300 e si riferiscono alle incursioni delle milizie degli Scaligeri, durante la guerra tra Brescia e Verona. A quei tempi il castello si presentava come una rocca con un'ampia cinta muraria intervallata da sette torrioni circolari e una torre d'accesso. Conteso a lungo e a più riprese fra i Visconti e i Gonzaga, subì alternativamente demolizioni, interventi di fortificazione, abbattimenti parziali e ampliamenti. Un documento del 1468 fa riferimento alla costruzione di una seconda cerchia muraria più esterna alla prima che cingeva la rocca: fra questa e la più alta, risiedevano artigiani, commercianti e trafficanti.

Il Castello raggiunse il suo massimo splendore architettonico quando, con Ferrante Gonzaga, padre di san Luigi, Castiglione divenne sede di Signoria. Con una serie di lavori di ristrutturazione e ampliamenti, Ferrante ne fece la dimora della famiglia e la sede della sua corte. Proprio lì, nel 1566 Ferrante condusse la sposa Donna Marta Tana di Sàntena dalla quale due anni dopo (9 marzo 1568), negli appartamenti residenziali ricavati dalla rocca, avrebbe avuto il primogenito Luigi (il futuro santo). Nel 1567, ricevuto il privilegio di battere moneta, vi aveva aggiunto l'edificio della zecca. Nel 1572 Ferrante predisponeva altre opere di ristrutturazione e ampliamento: un modo per sottolineare il suo prestigio accresciuto, ma anche per soddisfare le esigenze di una famiglia che diveniva sempre più numerosa (ebbe otto figli). Nel 1577, all'indomani di una terribile pestilenza da cui Castiglione era stata preservata, Ferrante fece erigere una chiesetta in onore di San Sebastiano.

Il ramo dei Gonzaga di Castiglione era ormai in via d'estinzione; nel 1706, durante la guerra di successione spagnola, il castello fu fatto saltare dai francesi in ritirata. I ruderi, dapprima setacciati dalla popolazione a caccia di chissà quali tesori, restarono in abbandono per moltissimi anni, fino a quando furono utilizzati per la costruzione del Duomo (1762).

Sul luogo dove nacque e visse fino a diciassette anni il giovane marchese destinato alla santità, ora sorge un cippo di marmo.



Oggi e gestito dalla Parrocchia di Castiglione delle Stiviere, che ne ha fatto la sede del Centro Parrocchiale San Luigi al Castello.
Indirizzo: Via C. Borromeo - Castiglione delle Stiviere - Alto Mantovano

Informazioni

Tipologia: Fortificazioni
 
 
Indirizzo: Via C. Borromeo
Città: Castiglione delle Stiviere - Alto Mantovano

Multimedia

0c1f3ac2888d272c7ff83edd42265c3a

Entra nella sezione per visualizzare tutte le foto disponibili.

Mappa

Convenzione | Finalità | Azioni | Informazioni | Cookies Policy